White paper “Change: come trasformare l’incertezza in opportunità”

27 Giugno 2022
Whitepaper
FranklinCovey Italia
Tag:

I cambiamenti avvengono, che ci piacciano oppure no. Sono ovunque e si manifestano sempre più frequentemente. Come esseri umani, siamo programmati per reagire ad essi – a volte in modo diverso, pur trattandosi magari della medesima trasformazione – e sopravvivere.

Sebbene le nostre reazioni al cambiamento siano normali e umane, è la nostra capacità di scegliere il modo in cui rispondiamo che ci distingue e ci permette di modellare le nostre esperienze.

È in questo contesto sempre più turbolento che il ruolo del leader diventa ancora più cruciale, con una mission da perseguire molto sfidante: riuscire a gestire con successo i cambiamenti in atto, senza che il proprio team si faccia prendere dallo sconforto o dall’ansia.
Obiettivo non sempre semplice da raggiungere.
Esistono, però, 6 cose che puoi fare per aiutare il tuo team ad elaborare i cambiamenti che avvengono intorno a loro e delineare un percorso produttivo che guardi al futuro:

  1. Gestire lo stress
  2. Fornire aggiornamenti continui
  3. Ritagliarsi del tempo durante le riunioni di team
  4. Aiutare il team a concentrarsi su alcuni punti chiave
  5. Controllare durante gli incontri 1-to-1 come si sentono le persone
  6. Mostrarsi flessibili e andare incontro ai bisogni delle persone

  1. Non puoi aiutare il tuo team a far fronte ai cambiamenti e alle sfide che sta affrontando, se tu stesso vivi la vita con ansia.
    Per questo è importante prendersi cura di sé stessi, fare un elenco delle cose che ci preoccupano e adattare l’orario di lavoro agli impegni che emergono.
  2. Quando i collaboratori devono sostenere un carico mentale più grande del solito, è normale che subentri un po’ di stress. Placare le preoccupazioni, affrontare argomenti spinosi anche durante periodi di difficoltà, li può aiutare a fare più chiarezza e a capire meglio ciò che che sta accadendo.
  3. Non tutti sono in grado di adattarsi facilmente ad una nuova realtà. Fare finta di nulla è controproducente. Occorre dare agli altri la possibilità di esprimere i propri sentimenti, instaurando un dialogo e lasciandoli parlare.
  4. In linea generale, le persone non possono lavorare al massimo delle loro capacità e al tempo stesso far fronte a un grande cambiamento. Per evitare che il team si senta sopraffatto e per aiutarlo a concentrarsi su ciò che è veramente importante, diventa necessario rivedere le priorità.
  5. Le reazioni delle persone ai cambiamenti radicali possono variare enormemente. C’è chi di fronte una situazione si impaurisce e chi, invece, si sente elettrizzato all’idea di affrontarla. Essere un buon ascoltatore e far vedere che ci si tiene diventa essenziale.
  6. Se un collaboratore ha bisogno di prendersi un giorno o due di pausa per riposare o per ricalibrare la propria vita, è bene concederglielo, se possibile. E se un’attività può aspettare, è bene metterla momentaneamente da parte.


Scarica il white paper per comprendere meglio come un leader possa diventare più consapevole delle reazioni dei membri del proprio team e ridurre così la loro incertezza.

    Nome*

    Cognome*

    Email*

    Telefono/Mobile*

    Azienda*

    Funzione*

    Ho preso visione della Privacy policy*

    Desideri rimanere aggiornato su contenuti, iniziative, eventi e corsi in partenza attraverso la newsletter FranklinCovey/Cegos?

    *i campi contrassegnati da asterisco sono campi obbligatori

    potrebbe interessarti
    Multipliers ci porta a riflettere su cosa potremmo…
    Perché i Multiplier e la leadership dei Multiplier…
    Come posso interagire con un capo Diminisher?