White paper “Diminisher Accidentali”

Questa Knowledge Guide è incentrata sull’approccio che molti leader hanno nei confronti dei propri collaboratori; in particolare si concentra su certi atteggiamenti che potrebbero accidentalmente sminuire gli altri.

Al suo interno sono state riportate le 9 tendenze di dimisher involontario identificate, consigliate delle pratiche da mettere in atto per evitare tali comportamenti – assumendone di più simili a quelli di un Multiplier – e suggerite delle domande da porre per non apparire come un leader che intende sminuire il proprio staff.

Per essere più chiari, i Multiplier sono coloro che hanno una visione più ampia riguardo all'intelligenza dei collaboratori che li circondano. Assegnano alle persone ruoli e incarichi che sfruttano il talento naturale di ogni individuo, all’interno di un ambiente che permette di liberare le loro migliori idee.

In questo modo i Multiplier ottengono risultati eccezionali, rendendo i soggetti coinvolti più intelligenti.

LE 9 TENDENZE DEL DIMINISHER ACCIDENTALE

Un Diminisher Accidentale può essere classificato in una di queste 9 categorie:

  • Vulcano di idee: condivide liberamente qualsiasi idea gli passi per la mente, allo scopo di stimolare il pensiero altrui. Questo porta i suoi collaboratori a rincorrere le sue idee per cercare di implementarle, senza assimilarle correttamente;
  • Energetico: ritiene che mostrare energia ed entusiasmo in ciò che si fa possa essere d’ispirazione. In realtà la forte personalità o semplicemente il parlare molto, può sopraffare gli altri e spingerli a smettere di ascoltarlo.
  • Soccorritore: crede che fornire il proprio aiuto e supporto sia un modo per far sì che le persone abbiano successo. Invece, presentandosi come un’ancora di salvezza a cui rivolgersi abitualmente, farà solo in modo che i membri del suo team imparino ad essere totalmente dipendenti;
  • Battistrada: è in prima linea, procede velocemente e senza indugi, impostando alti standard sulla qualità e sul ritmo del lavoro. Il risultato è che molti collaboratori si arrendono, non riuscendo a stare al suo passo;
  • Tempestivo: vuole risolvere velocemente i problemi, prendere decisioni e dimostrare che ha sempre ‘tutto sotto controllo’. Questo induce i collaboratori a chiedersi come mai il proprio capo non abbia fiducia nella loro capacità di gestire problemi riguardanti il loro lavoro.
  • Ottimista: assume sempre un atteggiamento positivo e crede che le persone possano farcela da sole. Il rischio è che sottovaluti le sfide o sorvoli sull’impegno che gli altri mettono nel loro lavoro, apparendo come un capo disinteressato.
  • Protettore: tende a tenere le persone al sicuro da spiacevoli situazioni lavorative. Questo atteggiamento, però, non permette a quest’ultime di imparare a cavarsela da sole.
  • Stratega: pensa in grande, desidera coinvolgere il suo team affinché la sua prospettiva sia d’ispirazione per tutti. L’imposizione di troppe regole, il tentativo di convincere gli altri del suo piano, può portare a far diventare le persone degli automi;
  • Perfezionista: stabilisce uno standard lavorativo molto elevato per sé stesso e per il suo team. L’esasperata ricerca della perfezione, però, può indurre gli individui a pensare che il loro capo troverà dei difetti a prescindere, quindi perché dare il meglio di sé?

È importante sottolineare che nel momento in cui i leader sono consapevoli dei loro atteggiamenti da diminisher e continuano comunque ad applicarli, tali atteggiamenti non possono essere più considerati accidentali.

Download

Compila il form se vuoi leggere l’intero white paper dedicato ai Diminisher Accidentali e scoprire quali comportamenti puoi attuare per eliminare queste tendenze.

    Nome*

    Cognome*

    Email*

    Telefono/Mobile*

    Azienda*

    Funzione*

    Ho preso visione della Privacy policy*

    Desideri rimanere aggiornato su contenuti, iniziative, eventi e corsi in partenza attraverso la newsletter FranklinCovey/Cegos?

    *i campi contrassegnati da asterisco sono campi obbligatori

    potrebbe interessarti
    Come posso migliorare il mio lavoro e le…
    Come guidare il tuo team nel sentirsi parte…